La diabetologia

La diabetologia studia e cura il diabete mellito, una malattia cronica caratterizzata da un eccesso di zuccheri (glucosio) nel sangue, che si divide in:

  • il diabete di tipo 1 – caratterizzato dall’assenza totale di secrezione insulinica.
  • Il diabete di tipo 2 – dovuto da una ridotta sensibilità dell’organismo all’insulina e/o da una ridotta secrezione di insulina da parte del pancreas. Questo tipo di diabete è molto diffuso e in aumento.
  • Il diabete gestazionale che può insorgere durante la gravidanza.

 

Perché ci ammaliamo di diabete?

Possiamo dire che sono due i fattori che ci portano ad ammalarci:

  • un’interazione tra fattori genetici (familiarità)
  • fattori ambientali (vita sedentaria abitudini alimentari non corrette, ecc).

 

Come riconoscere i sintomi del diabete?

Il diabete è una malattia subdola che spesso non ha sintomi. Nei casi acuti notiamo:

  • stanchezza,
  • aumento della sete,
  • aumento della diuresi,
  • perdita di peso non voluta,
  • malessere, dolori addominali,
  • nei casi gravi, confusione mentale e perdita di coscienza.

 

Cosa succede se il diabete non viene curato?

Se non riconosciuto e non curato, il diabete può creare:

  • Danni neurologici con deficit sensitivi, motori, visivi, acustici.
  • Danni renali con danno alle strutture filtranti del rene.
  • Danni oculari con alterazione dei vasi sanguigni e peggioramento della vista fino alla cecità.
  • Danni cardio-cerebrovascolari come l’infarto miocardico e l’ictus cerebrale.

Come si diagnostica il diabete?

La diagnosi del diabete si effettua con un esame del sangue, quando:

  • 2 valori di glicemia a digiuno (FPG) maggiori di 126 mg/dl in 2 giornate differenti,
  • o quando il valore dell’emoglobina glicata è > 6.5% e viene riconfermato in un prelievo successivo (almeno 3 mesi dopo),
  • o quando viene individuato un valore casuale > 200 mg/dl in presenza di alcuni sintomi tra quelli sopra citati.

Come si cura il diabete?

  • Per il diabete di tipo 1 si deve ricorrere a iniezioni sottocutanee di insulina e ad un corretto stile di vita.
  • Il diabete tipo 2 prevede un’attenzione particolare per ogni singolo paziente. In ogni modo una corretta alimentazione e un’attività fisica costante rappresentano il cardine del trattamento della malattia diabetica.

 

La cura è comunque volta a mantenere i seguenti valori:

  1. glicemia a digiuno e pre-prandiale compresa tra 90-130 mg/dl;
  2. glicemia post-prandiale (circa 2 ore dopo i pasti) inferiore (<) 180 mg/dl;
  3. emoglobina glicata inferiore (<) 7%;
  4. valori pressori diastolici (pressione minima) <80 mmHg e sistolioci (pressione massima) <130 mmHg;
  5. valori di colesterolo LDL <100 mg/dl, livelli di HDL >40 mg/dl nell’uomo e >50 mg/dl nella donna.

 

E’ possibile fare prevenzione per il diabete?

L’essenziale, per prevenire il diabete, è migliorare lo stile di vita:

  • fare attività fisica aerobica di moderata intensità della durata di 20-30 minuti al giorno
  • perdita di peso corporeo
  • migliorare la qualità e controllare la quantità totale dei nutrienti.

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi.